Qui si chiude il testamento

e finisce, del povero Villon.
Venite al suo seppellimento,
quando sentirete il carillon,
vestiti di rosso vermiglione,
perché in amore è morto martire;
lo giurò sul suo coglione
quando dal mondo volle partire.

E credo bene che non dica bugia,
perché fu cacciato come un cialtrone
dai suoi amori, rabbiosamente,
tanto che da qui al Rossiglione
non c’è cespuglio né macchione
che non gli abbia portato via
un brandello del suo giubbone,
quando dal mondo volle partire.

E’ così, esattamente:
quand’è morto, era uno straccione;
e in più, morendo, malignamente
lo premeva d’Amore il pungiglione;
duro più che l’arciglione
d’una cinghia si faceva sentire
-questo ci colma di stupefazione-
quando dal mondo volle partire.

Principe nobile come un falchetto,
sappiate che fece prima di morire:
si bevve un bicchiere di vino schietto,
quando dal mondo volle partire.

François Villon, ultima ballata del Testament 1416

Icy se clost le testament
et finist du povre Villon.
Venez a son enterrement,
quant vous orez le carillon,
vestuz rouge com vermeillon,
car en amours mourut martir;
ce jura il sur son coullon,
quant de ce monde voult partir.

Et je croy bien que pas n’en ment,
car chassié fut comme ung soullon
de ses amours, hayneusement,
tant que d’icy a Roussillon
brosses n’y a ne brossillon
qui n’eust, ce dit il sans mentir,
ung lambeau de son cotillion,
quant de ce monde voult partir.

Il est ainsi et tellement:
quant mourut, n’avoit qu’un haillon;
qui plus, en mourant, mallement
l’espoignoit d’Amours l’esguillon;
plus agu que le ranguillon
d’un baudrier lui faisoit sentir
-c’est de quoy nous esmerveillon-,
quant de ce monde voult partir.

Prince gent comme esmerillon,
saichiez qu’il fist au departir:
ung traict but de vin morillon,
quant de ce monde voult partir.