Fuori c’è la storia,

March 28th, 2014

le classi che lottano.
Cosa fare dunque una volta per tutte
rifiutando il mondo
accettandolo al mattino
(“Era vero, sai, era profondo
il litigio con lei. Ma c’era un solo letto
e prevalsero i corpi”).
C’erano i confini
biologici e le grandi leggi del profitto.
Perciò inventò gli dei e l’interiore.
Alla sera, durante l’erezione
pretese anche un destino
(“dove sei stata
per tutta la mia vita ?”).

Un perdente, Milo De Angelis, da Somiglianze
1973

Maggio. Na tavernella

March 22nd, 2014

ncopp’ ‘Antignano: ‘addore
d’ ‘anèpeta nuvella;
‘o cane d’ ‘o trattore
c’abbaia: ‘o fusto ‘e vino
nnanz’ ‘a porta: ‘a gallina
ca strilla ‘o pulcino:
e n’aria fresca e ffina
ca vene ‘a copp’ ‘e monte
ca se mmesca c’ ‘o viento,
e a sti capille nfronte
nun fa truvà cchiù abbiento…
Stammo a na tavulella
tutte e dduie. Chiano chiano
s’allonga sta manella
e mm’accarezza ‘a mano…
Ma ‘o bbi’ ca dint’o ‘o piatto
se fa fredda ‘a frettata?…
Comme me so’ distratto!
Comme te si’ ncantata!…

Salvatore Di Giacomo, Na Tavernella » Read the rest of this entry «

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,

March 13th, 2014

e questa siepe, che da tanta parte
dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quiete
io nel pensier mi fingo; ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s’annega il pensier mio:
e il naufragar m’è dolce in questo mare.

Giacomo Leopardi, L’infinito, componimento XII dei Canti
1819

Poiché quella che amavo ha pagato il debito estremo

March 7th, 2014

alla Natura, ed è morta al di lei bene e al mio,
e l’anima fu rapita in cielo troppo presto,
la mia mente è tutta fissa alle cose celesti.
Ammirarla quaggiù ha affilato la mia mente
a cercarti, Dio; così i fiumi rivelano la fonte;
ma anche se ti ho trovato e hai placato la mia sete,
una sacra assetata idropisia ancora mi consuma.
Ma perché dovrei chiedere più amore, mentre tu
corteggi la mia anima, per la sua offrendo la Tua ?
E non solo hai paura che io conceda
il mio amore a Santi e Angeli, cose divine,
ma dubiti e temi nella tua tenera gelosia
che il mondo, la carne e il Diavolo ti buttino fuori.

John Donne, componimento 17 dei Sonetti sacri
1617

» Read the rest of this entry «

Where am I?

You are currently viewing the archives for March, 2014 at manuele fior.

  • Spazio topo

  • you SHALL go in

  • Scansiona 1
  • What is and what should never be

    • [+]2015
    • [+]2014
    • [+]2013
    • [+]2012
    • [+]2011
  • Scansiona 4