Pietra nera su una pietra bianca

April 4th, 2014

Morirò a Parigi sotto un acquazzone,
in un giorno di cui già mi ricordo.
Morirò a Parigi – e non esagero –
forse un giovedì, com’è oggi, d’autunno.
Giovedì: perché oggi, giovedì, che butto giù
questi versi, le spalle han cominciato
a dolermi, e mai come oggi son tornato
con tutta la mia strada, a vedermi solo.
César Vallejo è morto, lo picchiavano
tutti senza che lui gli faccia niente;
lo menavano duro col bastone, e duro
anche con una corda; ne son testimoni
i giorni giovedì e le ossa delle spalle,
la solitudine, la pioggia, le strade…

César Vallejo, da Poemas humanos
1934-‘36

» Read the rest of this entry «

Fuori c’è la storia,

March 28th, 2014

le classi che lottano.
Cosa fare dunque una volta per tutte
rifiutando il mondo
accettandolo al mattino
(“Era vero, sai, era profondo
il litigio con lei. Ma c’era un solo letto
e prevalsero i corpi”).
C’erano i confini
biologici e le grandi leggi del profitto.
Perciò inventò gli dei e l’interiore.
Alla sera, durante l’erezione
pretese anche un destino
(“dove sei stata
per tutta la mia vita ?”).

Un perdente, Milo De Angelis, da Somiglianze
1973

Maggio. Na tavernella

March 22nd, 2014

ncopp’ ‘Antignano: ‘addore
d’ ‘anèpeta nuvella;
‘o cane d’ ‘o trattore
c’abbaia: ‘o fusto ‘e vino
nnanz’ ‘a porta: ‘a gallina
ca strilla ‘o pulcino:
e n’aria fresca e ffina
ca vene ‘a copp’ ‘e monte
ca se mmesca c’ ‘o viento,
e a sti capille nfronte
nun fa truvà cchiù abbiento…
Stammo a na tavulella
tutte e dduie. Chiano chiano
s’allonga sta manella
e mm’accarezza ‘a mano…
Ma ‘o bbi’ ca dint’o ‘o piatto
se fa fredda ‘a frettata?…
Comme me so’ distratto!
Comme te si’ ncantata!…

Salvatore Di Giacomo, Na Tavernella » Read the rest of this entry «

  • Spazio topo

  • you SHALL go in

  • Scansiona 1
  • What is and what should never be

    • [+]2014
    • [+]2013
    • [+]2012
    • [+]2011
  • Scansiona 4